Venezia

1 agosto 2017


Capisco di aver fatto un bel viaggio quando non trovo parole per descriverlo. 
Capisco anche perchè Dio abbia inventato sapori e colori. 


Senza i quali non si potrebbero ricordare le sfumature che i canali rubano alle facciate,  i panni tesi, i portoni scrostati, le insegne e le file di cicchetti dietro ai vetri dei banconi, il gusto l'oliva nello spritz o del baccalà mantecato. Non avrei potuto ricordare questa Venezia, nascosta due calle in là dal mondo in visita in cerca di sfarzosa bellezza. 



Ho visitato questa città in modo unico, a fianco di Valeria Necchio autrice di Veneto (un libro dei "miei" con foto e ricette che fanno tornar voglia di cucinare) insieme a Emiko , Valentina e Zaira .  Nel nostro delizioso appartamento in Campo santa Margherita  chiacchierato, fotografato e cucinato alcuni piatti di Veneto. Facile immaginare la carica di energia con cui sono rientrata a casa.
 
Emiko (autrice di Florentine e Acquacotta) questo il suo post e più in basso il video. 

di ritorno da "Anice stellato"






 Valeria autrice di Veneto ( qui potete trovare la sua guida su Venezia)





Valentina  fotografando 

Gli Zaeti di Valeria :  biscotti tipici veneziani fatti con fioretto, uvetta e taaanto burro e per questo ottimi dal dopocena alla colazione


fagioli borlotti un ingrediente che amo: nel libro ci sono tante ricette che non vedo l'ora di rifare  "radici e fasoi"  "fasi schiceti" "insalata di borlotti e pomodori"
dalla mia finestra 

Zaira servendo prosecco. Zaira oltre ad essere una incredibile fotografa è la metà femminile di The freaky raku  (ho ricevuto in dono una delle sue bowl e la conservo come un grande tesoro)


gelatoteca suso
il gianduiotto di Gelateria Nico 
cantina do mori
all'arco
bar rosso
mercato di rialto
... mi son dimenticata qualcosa che spero di aggiornare al più presto
vi suggerisco di consultare comunque la guida dettagliata di Valeria ;)













Venice with Valeria Necchio for Veneto, her debut cookbook from Emiko Davies on Vimeo.

la vita non è facile per nessuno

2 luglio 2017






Sono tornati il caldo e il sole, dopo giornate di acquazzoni e cieli cupi. E' stato così anche per me. Strano vero? dopo il post sgargiante dell'ultima volta ho passato giornate pesanti come piombo. 

Capita anche a me e senza un vero perchè. Immagino sia dovuto al fatto che le strade d'estate sono più silenziose e come una adolescente ho immaginato gli altri fuori ovunque e io qui nella mia magica bolla (ve l'ho scritto più volte vero che sono ancora in piena adolescenza?) . Il mondo arriva nella mia casa trascorre qualche giorno e poi prosegue. Cambio la biancheria ripulisco e resto ad ascoltare le cicale e ad attender nuovi arrivi. 

Questa eterna gioiosa emozione mi ha fatto un po' dimenticare il mondo mio da curare, gli amici di sempre, i viaggi e personali ricordi di famiglia da costruire. 

Ieri ho compiuto 40 anni e ricevuto un messaggio della mia pupa in cui tra le altre cose mi lodava per aver cercato e raggiunto orizzonti più lontani senza mai dovermi allontanare da casa. Quanto è vero mia cara amica, vero come il fatto che senza saperlo mi hai dato la soluzione. E' tempo di far altre magie (di quelle che molte donne come te già riescono a fare) : aumentare le ore del giorno, dividermi tra vita personale e lavoro, superare quella che ero ieri. Ho iniziato da brava scolara scrivendo una buffa lista di cose che mi sono ripromessa di fare: guardarla mi fa sorridere ... funzionerà? veramente mi basterà così poco? Ci voglio provare. 

...Ho deciso di scrivere con tutta sincerità e questo è il risultato. Così giusto per farci coraggio e mettersi a nudo: la vita non è facile per nessuno.